Cerca nel sito

C.I.G. (patentino)

Per guidare un ciclomotore è necessario almeno avere compiuto 14 anni e avere conseguito il C.I.G. (Certificato di Idoneità alla Guida del ciclomotore), il cosiddetto “patentino”.
Per ottenere questa abilitazione alla guida, occorre dimostrare il possesso di determinati requisiti psico-fisici e superare un esame teorico, previa la frequenza obbligatoria di un corso presso le scuole di istruzione secondaria o presso le autoscuole.
Il corso così come l’esame sono solo teorici, e cioè finalizzati a preparare il candidato sulle norme della circolazione stradale, senza accertamenti sulla sua idoneità pratica alla guida. A questo proposito, c’è da dire che da più parti (vigili, autoscuole, ecc.) si sta avanzando la richiesta di introdurre anche un esame o almeno un corso pratico di guida, in modo da garantire sulle strade la presenza di ciclomotoristi sufficientemente abili.

L’obbligo del patentino è stato introdotto nel 2005, non senza una certa confusione dovuta anche all’esigenza di rispettare i diritti già acquisiti, soprattutto da parte dei già maggiorenni che fino a quel momento potevano guidare il mezzo senza nessuna particolare autorizzazione. Oggi, a distanza di 4 anni, le procedure si sono standardizzate e non esistono dubbi su cosa si debba fare per guidare un ciclomotore, sia che si abbiano 14 anni, 16 o 18 e oltre.

Età

Corso

Esame

Certificato medico

14 anni

SI

SI

SI

16 anni

SI

SI

SI

18 anni compiuti dopo il 1 ottobre 2005

SI

SI

SI

18 anni compiuti prima del 1 ottobre 2005, senza patente

SI, presso le autoscuole

NO

SI

L’esame va sostenuto non oltre un anno dal termine del corso, e per i minorenni la domanda d’esame deve essere accompagnata dall’assenso di un genitore o di chi ne fa le veci.

Chi ha più di 16 anni, conseguendo la patente A1 acquisisce automaticamente il diritto di guidare anche i ciclomotori, e così anche chi a 18 anni consegue la patente B. Anche per il CIG c’è l’obbligo della conferma di validità, con le stesse scadenze previste per le patenti A e B. Non possono conseguire il CIG i titolari di patente ritirata o sospesa (dunque, se ad esempio sequestrano l’auto per guida in stato di ebbrezza, non si può guidare in alternativa il motorino, come accadeva una volta), ma solo quelli a cui è stata revocata la patente. Quando si consegue una patente, il CIG va sempre restituito all’UMC (Ufficio Motorizzazione Civile).

Ricordiamo che tutti i minorenni non possono trasportare passeggeri sui veicoli, anche se i ciclomotori sono omologati per il trasporto di due persone. In caso di incidente/danno, la responsabilità civile è dei genitori, mentre quella penale è sempre personale.