Cerca nel sito

Patente B

La patente B è il documento, obbligatorio, che certifica l'idoneità alla guida di determinati autoveicoli - tra cui l'automobile. Viene rilasciata dalla Motorizzazione civile dopo il superamento di due esami, uno teorico e uno pratico. Chi guida senza patente è soggetto a sanzioni molto pesanti.

PER OTTENERE LA PATENTE

Per ottenere la patente occorre dimostrare di essere nelle condizioni fisiche e tecniche idonee per guidare.
Da una parte bisogna dunque ottenere il CERTIFICATO MEDICO, dall'altra occorre sostenere un ESAME DI TEORIA che attesti la conoscenza del Codice della Strada e un ESAME DI PRATICA che attesti la competenza manuale nella guida.
Frequentare una scuola guida permette di conseguire la patente in tempi rapidi e con la sicurezza di possedere tutto il know how per guidare in perfetta tranquillità. Un buon istruttore di scuola guida insegna non solo "a superare gli esami", ma anche ad affrontare la strada dopo!
Un consiglio ai candidati: cercate davvero di apprendere il più possibile dalla scuola guida, perchè dopo l'esame non ci sarà più nessuno a dirvi cosa è giusto e cosa è sbagliato fare, e potreste doverlo imparare a vostre spese...

Le informazioni che rilasciamo in queste pagine non sostituiscono in alcun modo l'esperienza e la professionalità di una scuola guida: questo deve essere chiaro!
FOGLIO ROSA
IL FOGLIO ROSA PUO' ESSERE RICHIESTO SOLO AL COMPIMENTO DEI 18 ANNI DI ETA'
Il foglio rosa ha validità per sei mesi dopo i quali scade e viene revocato. Inoltre lo stesso foglio rosa dà tre possibilità per superare gli esami (teoria+pratica): se ci sono due bocciature consecutive viene revocato, ma se si risulta idonei all'esame di teoria si può richiedere il foglio rosa entro due mesi mantenendo valido l'esito favorevole della prova già sostenuta.
ESAME DI TEORIA
L ’esame di teoria non può essere sostenuto prima che sia trascorso un mese e un giorno dalla data di rilascio del foglio rosa.
L'esame consiste nel risolvere una scheda con 10 domande a risposta multipla (ad ogni domanda vengono proposte 3 risposte che possono essere vere o false). Sono consentiti al massimo 4 errori sulle trenta risposte possibili ma attenzione: eventuali cancellazioni e correzioni sono considerati errori. In caso di bocciatura è consentito la ripetizione della prova non prima di un mese e un giorno, ma attenzione: il foglio rosa potrebbe scadere o potrebbe essere revocato per le troppe bocciature.
N.B.Gli esami per il conseguimento della patente di guida dei veicoli delle categorie A, A speciale, B, B speciale e della sottocategoria A1 sono effettuati di norma con l'impiego della scheda quiz. Tuttavia, eccezionalmente, sono ammessi a sostenere gli esami con il metodo orale i candidati che non hanno conseguito la licenza relativa alla scuola dell'obbligo, i candidati che non sono in possesso della cittadinanza italiana(sono però residenti in Italia, n.d.r.) e che dichiarano di non conoscere la lingua italiana nella forma scritta, i candidati che, pur essendo in possesso della licenza media, sono affetti da patologie che determinano gravi difficoltà nella comprensione dei testi scritti, i candidati affetti da sordomutismo.(circ. A28/2000/MOT del 28.11.2000)
Vuoi sapere di preciso come si devono svolgere gli esami?
ESERCITAZIONI
Solo dopo avere superato la prova di teoria (qualsiasi sia la categoria di patente) si può sostenere la prova di guida. Col foglio rosa è possibile esercitarsi solo su quei veicoli che rientrano "nelle categorie per le quali è stata richiesta la patente" (art. 122), e non su quelli appartenenti alle categorie che la patente, una volta conseguita, abilita a condurre.

Dunque, anche se la patente B abilita alla guida di motocicli leggeri, in sede di esercitazione il foglio rosa non permette la guida di motocicli leggeri. Lo stesso discorso vale per il foglio rosa della patente A1: anche se, una volta conseguita la patente A1, è possibile guidare i ciclomotori, in sede di esercitazione i minorenni non li possono guidare. L'art. 122 del Codice della Strada in effetti non è molto chiaro al riguardo, ma ultimamente sono state diffuse dal DTT e dalle associazioni delle autoscuole delle circolari interne, che chiariscono questo dubbio ed esprimono l'orientamento che abbiamo indicato.

Le esercitazioni possono avvenire su tutto il territorio nazionale e in qualunque ora del giorno e della notte, ma occorre essere accompagnati da un istruttore. Durante le tue prove di guida, con veicoli che non siano di un’autoscuola, occorre esporre due contrassegni a forma di lettera "P" su sfondo bianco nelle parti anteriore e posteriore del veicolo e tali contrassegni devono avere le caratteristiche previste dall’art. 334 del Codice della Strada.
Mezzi adatti per l'esame di guida
Con quale auto sostenere l'esame di guida? Con quella dell'amico o del genitore? Attenzione: gli esami di guida per il conseguimento delle patenti di categoria B, C, D ed E in ogni caso possono essere sostenuti solo con autoveicoli muniti di doppi comandi (art. 121 comma 9 del C.D.S.), pertanto i candidati privatisti (cioè non allievi di alcuna autoscuola) per sostenere l'esame di guida devono necessariamente rivolgersi ad un'autoscuola o si noleggerà un'autovettura adatta presso soggetti autorizzati dal Ministero dei Trasporti

La patente B è il documento, obbligatorio, che certifica l'idoneità alla guida di determinati autoveicoli - tra cui l'automobile. Viene rilasciata dalla Motorizzazione civile dopo il superamento di due esami, uno teorico e uno pratico. Chi guida senza patente è soggetto a sanzioni molto pesanti.

PER OTTENERE LA PATENTE

Per ottenere la patente occorre dimostrare di essere nelle condizioni fisiche e tecniche idonee per guidare.
Da una parte bisogna dunque ottenere il CERTIFICATO MEDICO, dall'altra occorre sostenere un ESAME DI TEORIA che attesti la conoscenza del Codice della Strada e un ESAME DI PRATICA che attesti la competenza manuale nella guida.
Frequentare una scuola guida permette di conseguire la patente in tempi rapidi e con la sicurezza di possedere tutto il know how per guidare in perfetta tranquillità. Un buon istruttore di scuola guida insegna non solo "a superare gli esami", ma anche ad affrontare la strada dopo!
Un consiglio ai candidati: cercate davvero di apprendere il più possibile dalla scuola guida, perchè dopo l'esame non ci sarà più nessuno a dirvi cosa è giusto e cosa è sbagliato fare, e potreste doverlo imparare a vostre spese...

Le informazioni che rilasciamo in queste pagine non sostituiscono in alcun modo l'esperienza e la professionalità di una scuola guida: questo deve essere chiaro!
FOGLIO ROSA
IL FOGLIO ROSA PUO' ESSERE RICHIESTO SOLO AL COMPIMENTO DEI 18 ANNI DI ETA'
Il foglio rosa ha validità per sei mesi dopo i quali scade e viene revocato. Inoltre lo stesso foglio rosa dà tre possibilità per superare gli esami (teoria+pratica): se ci sono due bocciature consecutive viene revocato, ma se si risulta idonei all'esame di teoria si può richiedere il foglio rosa entro due mesi mantenendo valido l'esito favorevole della prova già sostenuta.
ESAME DI TEORIA
L ’esame di teoria non può essere sostenuto prima che sia trascorso un mese e un giorno dalla data di rilascio del foglio rosa.
L'esame consiste nel risolvere una scheda con 10 domande a risposta multipla (ad ogni domanda vengono proposte 3 risposte che possono essere vere o false). Sono consentiti al massimo 4 errori sulle trenta risposte possibili ma attenzione: eventuali cancellazioni e correzioni sono considerati errori. In caso di bocciatura è consentito la ripetizione della prova non prima di un mese e un giorno, ma attenzione: il foglio rosa potrebbe scadere o potrebbe essere revocato per le troppe bocciature.
N.B.Gli esami per il conseguimento della patente di guida dei veicoli delle categorie A, A speciale, B, B speciale e della sottocategoria A1 sono effettuati di norma con l'impiego della scheda quiz. Tuttavia, eccezionalmente, sono ammessi a sostenere gli esami con il metodo orale i candidati che non hanno conseguito la licenza relativa alla scuola dell'obbligo, i candidati che non sono in possesso della cittadinanza italiana(sono però residenti in Italia, n.d.r.) e che dichiarano di non conoscere la lingua italiana nella forma scritta, i candidati che, pur essendo in possesso della licenza media, sono affetti da patologie che determinano gravi difficoltà nella comprensione dei testi scritti, i candidati affetti da sordomutismo.(circ. A28/2000/MOT del 28.11.2000)
Vuoi sapere di preciso come si devono svolgere gli esami?
ESERCITAZIONI
Solo dopo avere superato la prova di teoria (qualsiasi sia la categoria di patente) si può sostenere la prova di guida. Col foglio rosa è possibile esercitarsi solo su quei veicoli che rientrano "nelle categorie per le quali è stata richiesta la patente" (art. 122), e non su quelli appartenenti alle categorie che la patente, una volta conseguita, abilita a condurre.

Dunque, anche se la patente B abilita alla guida di motocicli leggeri, in sede di esercitazione il foglio rosa non permette la guida di motocicli leggeri. Lo stesso discorso vale per il foglio rosa della patente A1: anche se, una volta conseguita la patente A1, è possibile guidare i ciclomotori, in sede di esercitazione i minorenni non li possono guidare. L'art. 122 del Codice della Strada in effetti non è molto chiaro al riguardo, ma ultimamente sono state diffuse dal DTT e dalle associazioni delle autoscuole delle circolari interne, che chiariscono questo dubbio ed esprimono l'orientamento che abbiamo indicato.

Le esercitazioni possono avvenire su tutto il territorio nazionale e in qualunque ora del giorno e della notte, ma occorre essere accompagnati da un istruttore. Durante le tue prove di guida, con veicoli che non siano di un’autoscuola, occorre esporre due contrassegni a forma di lettera "P" su sfondo bianco nelle parti anteriore e posteriore del veicolo e tali contrassegni devono avere le caratteristiche previste dall’art. 334 del Codice della Strada.
Mezzi adatti per l'esame di guida
Con quale auto sostenere l'esame di guida? Con quella dell'amico o del genitore? Attenzione: gli esami di guida per il conseguimento delle patenti di categoria B, C, D ed E in ogni caso possono essere sostenuti solo con autoveicoli muniti di doppi comandi (art. 121 comma 9 del C.D.S.), pertanto i candidati privatisti (cioè non allievi di alcuna autoscuola) per sostenere l'esame di guida devono necessariamente rivolgersi ad un'autoscuola o si noleggerà un'autovettura adatta presso soggetti autorizzati dal Ministero dei Trasporti